PostHeaderIcon PIAZZA PULITA ALL’INPGI – Via tutti i responsabili del disastro

E’ arrivato il momento di fare PIAZZA PULITA ALL’INPGI, non a parole ma con i fatti. Siamo un gruppo di colleghe e colleghi di solida esperienza professionale e di estrazioni culturali varie. Alcuni di noi si riconoscono nelle posizioni di Senza Bavaglio. La maggior parte si è accostata solo di recente all’attività degli organismi della categoria, spinti soprattutto dall’allarme e dall’indignazione per quel che abbiamo visto intorno a noi.

Pensiamo che la dirigenza che ha governato gli enti dei giornalisti in questi anni abbia commesso errori molto gravi, a partire dalla firma degli ultimi due contratti collettivi che, fra l’altro, hanno trascinato il nostro Istituto di previdenza sull’orlo del collasso. La perdita di posti di lavoro, non compensata da assunzioni, ha provocato una contrazione delle entrate contributive cosa che ha danneggiato le casse dell’Istituto, fino a poco tempo fa in buona salute.

Consideriamo la dirigenza attuale dell’INPGI responsabile non solo di aver fiancheggiato i vertici sindacali in queste e altre scelte disastrose, ma anche di aver introdotto nella gestione dell’ente comportamenti all’insegna dello spreco più selvaggio.

Nello statuto dell’INPGI ci sono norme che non esitiamo a definire irresponsabili, come quella per cui il presidente deve avere uno stipendio più alto almeno del dieci per cento del direttore generale. I compensi degli organi collegiali e del collegio sindacale nel 2014 sono arrivati all’astronomica cifra di un milione e centomila euro (a cui vanno aggiunti 370.000 di rimborsi spese).


Pochi colleghi sanno probabilmente
che la FNSI e le Associazioni Regionali sono foraggiate dall’INPGI con oltre 2,5 milioni di euro l’anno che nel bilancio figurano come non meglio specificati “servizi resi dalle associazioni di stampa”. E’ una scorrettezza molto grave anche sul piano etico, visto che le risorse versate obbligatoriamente da tutti i giornalisti italiani a fini previdenziali sono utilizzate a favore del sindacato, in cui solo una parte si riconosce. Nel preventivo 2015 questa voce risulta addirittura in aumento di 50 mila euro rispetto all’anno precedente. Vedremo a quanto arriverà al momento del consuntivo.

Come sorprendersi se in questa situazione le uscite superano ormai strutturalmente le entrate e i conti si rivelano, in prospettiva, insostenibili?

Un discorso a parte meritano gli atteggiamenti di incomprensibile generosità verso gli editori. Sempre nel 2014 l’INPGI ha pagato ben 16 milioni di euro per i contratti di solidarietà, al fine di alleviare le pesanti decurtazioni di stipendio imposte ai colleghi, mentre nelle stesse aziende si pagavano premi milionari ai manager. Per cosa sono stati premiati?

Fondamentalmente per aver quantificato e fatto accettare alle rappresentanze sindacali decine e decine di esuberi che si tradurranno prima o poi in altrettante cessazioni di posizioni contributive all’INPGI. E ci sono casi in cui la riorganizzazione pagata in questo modo è stata così inconsistente da richiedere l’apertura di un nuovo stato di crisi (dunque altri contributi dell’INPGI) immediatamente dopo la chiusura del precedente!

Chi ha gestito l’INPGI 2 ha utilizzato la propria posizione in Comitato Amministratore più come un posto di lavoro ben retribuito che come un incarico al servizio dei colleghi, tra l’altro, caricando i liberi professionisti di un contributo maggiore per la maternità e ventilando una pseudo Casagit ridottissima, con un impegno annuo di tre milioni di euro per dare a circa 6.000 colleghi qualche prestazione sanitaria irrisoria. Mentre ha negato la Dis-Coll (indennità di disoccupazione prevista per gli altri Cococo) richiesta addirittura con un’interrogazione parlamentare.

Noi pensiamo che occorrano trasparenza ed etica. I giornalisti autonomi hanno bisogno di diritti concreti: un vero welfare, un fondo di solidarietà, una pensione dignitosa.

Per queste e altre ragioni che sono spiegate nel nostro programma ti chiediamo di votare i colleghi candidati nella lista PIAZZA PULITA ALL’INPGI. Per dire no a questa dirigenza, per voltare pagina e aprire un capitolo nuovo che impedisca la morte dell’INPGI, sottraendolo agli interessi personali e di parte. Occorre azzerare tutto. Chi era nel Consiglio di Amministrazione, nel Comitato Amministratore o cooptato nelle commissioni come esperto se ne deve andare.

Tutti sono corresponsabili del dissesto, anche chi solo all’ultimo momento ha deciso di votare contro il governo dell’istituto.

Ecco la lista dei candidati che PIAZZA PULITA ALL’INPGI TI INVITA A VOTARE

Per vincere TUTTI I CANDIDATI VANNO VOTATI IN BLOCCO!!
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – PIEMONTE (Scheda Angolo MARRONE)

3 – Guido NOVARIA (La Stampa)

4 – Massimiliano PEGGIO (La Stampa)

ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – LOMBARDIA (Scheda Angolo MARRONE)

2 – Valeria BALOCCO (Marie Claire)

7 – Fabio CAVALERA (Corriere della Sera)

11 – Tamara FERRARI (Condé Nast)

12 – Simone FILIPPETTI (Il Sole 24 Ore)

19 – Andrea MONTANARI (Milano Finanza)

20 – Franco OPPEDISANO (Mondadori)

21 – Luca PAGNI (Repubblica)

28 – Ivana ZAMBIANCHI (RCS)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – VENETO (Scheda Angolo MARRONE)

2 – Roberta DE ROSSI (La Nuova Venezia)

3 – Giuseppe (Beppe) PIETROBELLI (Il Gazzettino)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – TRENTINO ALTO ADIGE (Scheda Angolo MARRONE)

1 – Felice ESPRO (Alto Adige)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – MARCHE (Scheda Angolo MARRONE)

1 – Rosalba EMILIOZZI (Il Messaggero)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – UMBRIA (Scheda Angolo MARRONE)

2 – Vanna UGOLINI (Il Messaggero)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – ABRUZZO (Scheda Angolo MARRONE)

1 – Celeste ACQUAFREDDA (RAI) (presente anche in un’altra lista)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – LAZIO (Scheda Angolo MARRONE)

8 – Stefano CAVIGLIA (Panorama)

16 – Ugo DEGL’INNOCENTI (Consiglio Regionale del Lazio)

19 – Anna DI LUCA (Sky Sport)

31 – Fabio MORABITO (Il Messaggero) (presente anche in un’altra lista)

41 – Alessio ROMEO LIRONCURTI (Il Sole 24 Ore)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – CAMPANIA (Scheda Angolo MARRONE)

3 – Anna TESTA (RAI) (presente anche in un’altra lista)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – CALABRIA (Scheda Angolo MARRONE)

1 – Gaetano MAZZARELLA (Teleradio Speranza S.G.)
ATTIVI CONSIGLIO GENERALE – PUGLIA (Scheda Angolo MARRONE)

1 – Paola ANCORA (Quotidiano di Puglia)

2 – Carmela FORMICOLA (Gazzetta del Mezzogiorno)
PENSIONATI – Lista Unica Nazionale (Scheda Angolo ROSSO)

1 – Massimo A. ALBERIZZI (Corriere della Sera – Milano)

16 – Andrea GARIBALDI (Corriere della Sera – Roma)

21 – Giancarlo MINICUCCI (ex direttore del Nuovo Quotidiano di Puglia, ex vicedirettore del Messaggero – Bari)

27 – Valentino PESCI (ex direttore Nuova Ferrara e ex vicedirettore FINEGIL Veneto -Venezia)

34 – Laura VERLICCHI (Il Giornale – Milano)
COLLEGIO SINDACALE ATTIVI E PENSIONATI (Scheda Angolo AZZURRO)

4 – Maurizio CERINO (Il Mattino di Napoli)

10 – Pierluigi ROESLER FRANZ (ex Corriere della Sera, ex Stampa)
COMITATO AMMINISTRATORE GESTIONE SEPARATA (INPGI 2) – Lista Unica Nazionale (Scheda Angolo VERDE)

14 – Maria Giovanna FAIELLA (collaboratrice Salute Corriere della Sera – Roma)

17 – Simona FOSSATI (freelance – Milano)

22 – Silvia OGNIBENE (collaboratrice Reuters e RCS – Firenze)
COLLEGIO SINDACALE INPGI 2 – Lista Unica Nazionale (Scheda Angolo GIALLO)

10 – Vittorio PASTERIS (freelance)

Lascia un Commento

EQUO COMPENSO: la proposta USGF agli atti della Commissione Governativa
Sostieni USGF
Conferenza Stampa USGF
(ANSA) - ROMA, 24 GIU - È nato l'Organismo di Base dei Freelance, Usgf (Unione Sindacale Giornalisti Freelance). A Roma, una delegazione di giornalisti freelance ha protocollato alla Fnsi, la Federazione nazionale della stampa, l'atto costitutivo per procedere, come da Statuto della Federazione, al riconoscimento ufficiale dell'Usgf da parte del Consiglio Nazionale della Fnsi. «L'Organismo di Base - spiega una nota - agendo all'interno della Fnsi, vuole stimolare la Federazione perchè si attivi per la tutela del lavoro autonomo. L'Organismo di Base si rivolge ai giornalisti freelance, liberi professionisti, lavoratori autonomi. Nasce per difendere i diritti dei collaboratori davanti alle prepotenze degli editori; per mettere un argine al Far West del lavoro autonomo; per ottenere tutele. Nasce perchè la questione dei free lance non può più aspettare». (ANSA). STF 24-GIU-09 20:35 NNN
Sottoscrivi la newsletter USGF

Inserisci la tua e-mail: 

Motore di Ricerca
marzo: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Senza Bavaglio
Statistiche